Stampa

La necessaria riunione tra arte e bellezza.

La necessaria riunione tra arte e bellezza.

NECESIDAD_DE_LA_BELLEZA_EN_EL_ARTEIl bisogno delle discipline umanistiche e della cultura in generale, come elemento essenziale nella configurazione della società, sta diventando sempre più evidente, poiché la tecnologia ci travolge e sottolinea l'importanza del fattore umano che, in definitiva, è quello che deve dare buoni propositi e contenuti all'uso di così tanti e così sofisticati mezzi.

Questo fattore umano è la chiave di tutte le grandi sfide che affrontiamo. Parla di noi, di ciascuno come persona, della loro qualità umana, che è stata forgiata attraverso la vasta cultura che le scienze umane hanno fornito.

Il bisogno di educazione umanistica è evidenziato dal fatto che ogni giorno c'è una maggiore confusione in termini di mezzi e scopi. Abbiamo una grande proliferazione di mezzi, ma non abbiamo obiettivi chiari. Abbiamo sistemi di comunicazione, sistemi economici, sistemi produttivi, sistemi educativi, sistemi politici, media, in breve. Ma qual è lo scopo della comunicazione? Qual è lo scopo dell'educazione, dell'economia, della politica? Queste sono ancora domande importanti.

L'arte non si sbarazza di questo disorientamento. Cos'è l'arte? A cosa serve? È un semplice ornamento superfluo nei veri e imperiosi bisogni umani, un modo di comunicare le nostre emozioni, un oggetto mercantile? Sicuramente avremo tante risposte quante sono le persone perché l'arte è forse quella che ha sofferto di più dall'ambiguità e dalla perdita di identità del nostro tempo.

Oggi l'arte pone l'accento essenzialmente sulla creatività. Concetti come innovazione, cambiamento, reinventarsi ... sono costantemente al centro della maggior parte degli artisti, delle aziende e dei progetti sociali. Certamente la creatività, quella capacità elastica di immaginazione, è necessaria, ma è ancora uno strumento e, come tale, al servizio di cosa la mettiamo?

A volte la cosiddetta opera d'arte cerca di giustificarsi solo con la propria creatività, con la sua capacità di sorprenderci, con la sua novità, senza cercare una maggiore trascendenza di quella originalità, che ovviamente, dopo un po ', ha poca originalità.

In altri casi la creatività è al servizio di un messaggio, un'idea o un sentimento. Serve come canale di espressione e comunicazione tra l'invisibile, l'immagine interna dell'artista e il sensibile, l'opera incarnata.

Ma dov'è la bellezza di cui parlano i classici e che ha dato il nome alle cosiddette Belle Arti? Cosa è successo a quelle creazioni in cui il contenuto e la forma hanno bevuto nelle stesse fonti di bellezza?


Senza la bellezza, né nell'idea né nella forma, l'opera d'arte è già nata morta, è un cadavere in decomposizione. L'arte senza bellezza è solo un insieme di forme, come un tentativo di costruire la vita con frammenti di esseri morti. La parola Arte deriva etimologicamente dal termine Ars romana (il greco Techné) ed è la capacità di sapere come fare qualcosa. Ma la “capacità di fare” priva di bellezza si separa dalla qualità costruttiva della vita, non ci ricostruisce più, ci distrugge, non ci guarisce, ci fa ammalare. Perché la bellezza ci parla dei misteri dell'unità e dell'armonia che sostiene la vita e la cui origine, come trasmesso da Platone, è proprio all'inizio della creazione dell'universo. Forse può costarci molto per cercare di definire la bellezza, perché, a causa della sua natura irrazionale, ci sfugge tra le dita della mente razionale e discorsiva. Ma non importa, oltre a questa ragione c'è una sensibilità più o meno attiva che la riconosce, una sensibilità alla bellezza, una sensibilità estetica. Purtroppo non contempliamo un'opera d'arte dal cuore, per sentirci commossi o no, ma da montagne di pregiudizi e argomenti. E così, a poco a poco, la sensibilità di percepire e vibrare con la bellezza che è riconosciuta solo dall'anima che "abita il cuore" è persa. Il cuore risveglia la bellezza quando si innamora o si innamora perché risveglia la bellezza? Sia come sia, è l'amore che districa la sensibilità estetica. Cosa sarebbe dell'essere umano se avesse perso la capacità di percepire e riprodurre la bellezza? Si allontanerebbe anche dall'amore per la verità, il bene o la giustizia? Quanto sarebbe bello se l'arte non solo mettesse le ali nella nostra immaginazione, ma che le avessimo restituite alla nostra anima del cuore, ciò che è riconosciuto nel bene, nella verità e nella bellezza!

Miguel Angel Padilla Moreno

miguelangelpadillamoreno.com