Skip to content
MENÚ

Fabbricazione di mosaici romani

Il mosaico è stato usato fin dall’antichità come pavimentazione e nella decorazione di muri e pareti perché fornisce una personalità decorativa unica e singolare.

Oggi è integrato in numerosi progetti di decorazione di case ed edifici di nuova costruzione o riforme, in stanze e ingressi importanti, in corridoi, bagni e, naturalmente, anche in esterni.

In Decorarconarte.com diamo forma al tuo progetto adattandolo alle tue esigenze.

Lavoro completamente artigianale e meticoloso

Elaborazione della riproduzione del Mosaico di Erote che caccia il fagiano (Estratto dal Mosaico degli Amori di Castulo)

Lo strumento più importante usato dai nostri artigiani sono le loro mani, aiutate da utensili manuali.

Il mosaico è un’arte ancestrale, che consiste nell’unione di frazioni di pietre (marmo o pasta vitrea) di forma cubica, chiamate tessere.

Mosaico di 4 metri fatto con 4 pietre diverse

La tecnica utilizzata

Tessere di pietra cubica

La tecnica è l'”opus teselarium”, mosaico di tessere cubiche di pietra.

Lavoriamo con tessere da 5, 8 e 10 mm. È anche possibile combinare diverse dimensioni per ottenere una maggiore precisione in alcuni dettagli.

Metodo

Per quanto riguarda i metodi, ce ne sono diversi tipi (diretto, indiretto, incisione e l’uso di massi). Nel nostro laboratorio preferiamo usare il Metodo Indiretto; questo consiste nel disporre le tessere sul disegno e una volta finito si inverte, in modo che la superficie risultante del mosaico sia completamente liscia (contrariamente al metodo diretto).

Per quanto riguarda l’aspetto. Può essere un mosaico invecchiato, non finito o con lacune, lucido, levigato o qualsiasi altro aspetto che il cliente possa suggerire. La finitura dipenderà dall’applicazione del mosaico.

Mosaici per pavimento o parete.

La destinazione della maggior parte dei mosaici è di solito o per la pavimentazione sul pavimento, o come decorazione murale, intarsiata o come quadro appeso.

Per il pavimento:

I mosaici di pavimento sono di grande bellezza e danno un aspetto sublime a qualsiasi spazio sia all’interno che all’esterno.

Il loro spessore può essere variato a seconda delle esigenze. Per ridurre il peso durante il trasporto e per aumentare la loro resistenza ed elasticità, viene applicato uno strato di policarbonato in forma cellulare.

Il consolidamento del mosaico ha, in questo modo, sul suo rovescio, una finitura in laminato sintetico coperto da uno strato di grip cinese per una migliore adesione e fissaggio. È adatto per l’esposizione all’esterno e per le aree trafficabili tranne che per i veicoli e i macchinari pesanti.

Per le pareti:

Il mosaico da parete può essere da incassare o da appendere. Lo spessore del mosaico può essere realizzato secondo le specifiche del cliente. La finitura del retro e dei bordi è fatta in malta rustica.

Materiali utilizzati

I materiali utilizzati sono tessere di pietre naturali e marmi vari. Per alcuni colori speciali, si usano pasta di vetro e resine, proprio come si usava nei tempi antichi.

La gamma di colori è quasi infinita. L’uso della pasta vitrea può essere combinato con il marmo, ottenendo così colori brillanti e allegri, per dare al mosaico luminosità e movimento.

Tempo di produzione

I tempi variano a seconda del progetto. Possono essere tra 2, 4 e 8 settimane.

Indicazioni per la posa di un pavimento a mosaico

Il materiale che raccomandiamo per la posa del mosaico è qualsiasi tipo di colla flex-super cemento.

Per l’installazione del mosaico si consiglia di seguire i seguenti passi:

FASE 1: Il pavimento dove verrà posato il mosaico deve essere solido, livellato o tracciato dalla malta e pulito dalla polvere.

FASE 2: Si raccomanda di prevedere un giunto di dilatazione nel suo perimetro di circa 3-4 mm per evitare spinte laterali dell’opera circostante (non del pezzo stesso) e dilatazioni dovute alla sua esposizione all’esterno.

FASE 3: Successivamente, applicare la colla di cemento con una spatola dentata con doppio incollaggio, sia sulla superficie che sul retro del mosaico. Questo sarà sufficiente per far aderire perfettamente il pezzo.

FASE 4: Il giorno dopo si consiglia di sigillare il giunto perimetrale con un sigillante polimerico.

Manutenzione del mosaico di pavimentazione

Per pulire il mosaico si consiglia di farlo con acqua chiara e in ogni caso con sapone verde o neutro.

L’uso di prodotti chimici aggressivi o altri detergenti non è raccomandato.

Per quanto riguarda la manutenzione, questo tipo di pezzi non ha bisogno di alcun trattamento, si raccomanda solo di mantenere la vivacità del colore, soprattutto nei pezzi esposti all’esterno, ogni tanto (2 o 3 anni) applicare uno strato di protettore idrorepellente di aspetto bagnato o in mancanza di questo qualsiasi tipo di olio minerale.

I temi

Siamo specializzati nella riproduzione di mosaici romani, sia figurativi che geometrici. Ci avviciniamo anche a qualsiasi stile con la stessa delicatezza e maestria. Chiedeteci del vostro progetto senza impegno.

Riproduzione di un frammento del mosaico

Oltre ai modelli che offriamo nel nostro catalogo, realizziamo riproduzioni di mosaici romani, bizantini o ispirati a temi storici, mitologici o artistici in generale. Clicca qui per vedere fotografie di mosaici originali dove puoi trovare il motivo che meglio si adatta al tuo progetto. (vedere).

È anche possibile realizzare motivi di disegni e dipinti della ceramica greca in mosaico bicolore, con ottimi risultati decorativi. (vedere)

Offriamo anche riproduzioni parziali o totali del mosaico degli Putti della città iberico-romana di Castulo. (vedere)

Come si faceva nell’antica Roma

Opus vermiculatum

I Romani impararono l’arte del mosaico dalla Grecia e dall’Asia Minore a partire dal II secolo a.C. dopo la conquista di queste regioni. Tale fu il successo di quest’arte decorativa che divenne un elemento essenziale per la decorazione delle domus romane delle classi agiate.

Il materiale con cui venivano realizzati i mosaici erano le tessere, cubi tagliati in diversi colori e diversi materiali, principalmente pietre, sia rocce calcaree o marmi che pietre preziose (lapislazzuli), vetro e paste vitree colorate, ceramica, e anche metalli come l’oro.

C’erano diversi stili di mosaici, i più sorprendenti sono quelli che formavano complessi disegni policromi di qualità pittorica e nei quali si riusciva ad ottenere effetti di rilievo con sfumature: l’opus tessellatum, con cubi di 10 mm di dimensione, e l’opus vermiculatum, con tessere ancora più piccole poste facendo ondulazioni come un verme, da cui il nome (vermis = verme).

Per realizzare il mosaico, il terreno è stato precedentemente livellato e preparato con diversi strati:

1. Statumen: primo strato di pietre delle dimensioni di un pugno.

2. Rudus: secondo strato composto da 3 /4 parti di ghiaia e una parte di calce.

3. Nucleus: terzo strato con 3 /4 parti di ceramica frantumata e una parte di calce.

Il mosaico è stato posizionato su questo strato, che è stato realizzato in diversi passi:

Fabbricazione di tessere

1. Il caementarius (muratore) livellava il pavimento e lo impermeabilizzava con l’opus caementicium (calcestruzzo romano o cemento fatto di malta e pietre di ogni tipo).

2. Quando l’opus caementicium era impostato, il pictor imaginarius (pittore) disegnava il disegno sul pavimento.

3. Il musivarius segnava e dipingeva le aree del disegno e il tesselarius tagliava e incideva le tessere, preparandole con le dimensioni e la forma necessarie per il loro preciso posizionamento.

4. Le tessere sono state collocate o prima su una tavola con la quale sono state premute per fissarle al pavimento o direttamente sul pavimento umido. I fori sono stati riempiti versando un sottile strato di malta e infine, per ottenere una finitura lucida e liscia, sono stati lucidati con graniglia e polvere di marmo.

Diamo forma al tuo progetto

Se desiderate un preventivo con calze o un motivo personalizzato, contattateci senza impegno.